Sono arrivata alla creazione di questo percorso grazie alle mie esperienze di vita e agli studi che riguardano tali pratiche.

Dopo aver tenuto diversi incontri di massaggio ai genitori assieme ai loro bambini, ho sentito il bisogno di creare un livello di intimità più profondo e da questi presupposti è partita la mia ricerca. Invece di focalizzarmi su tecniche moderne, mi sono fermata e rimanendo in ascolto ho dato spazio a quel battito ancestrale dal quale tutto è partito.

Ho pensato che forse stiamo perdendo di vista l’eccezionalità della semplicità.

Il suono della natura, il suono delle acque, il suono del cuore …e infine il nostro suono; questo è ciò che sto recuperando.

Lo strumento che fa da tramite a questo viaggio è  la voce.

In questo passaggio la densità della relazione si amplifica attraverso l’arte antica e essenziale del Massaggio Ayurvedico Shantala.

Questa abilità ci apre a sperimentare una dimensione di tocco “oltre il tocco” facendo emergere le competenze innate della bambina e del bambino, ma sopratutto porta a vivere la realtà delle mie mani che toccano e di chi si lascia toccare, in piena presenza.                                                          Quando il tempo della pratica si conclude, c’è il sapere di restare uniti nella coscienza, anche senza il tatto.

Il percorso è strutturato in 5 incontri. Ogni incontro è di circa un’ora e mezza .

Si rivolge ai bambini di  41 giorni/12 mesi e 3/6 anni.

N.b. Per praticare il massaggio, il mio personale invito è quello di aspettare almeno i 41 giorni. Questo perché nel primissimo periodo di vita (in ambito olistico i primi 40 giorni sono considerati quelli più “sacri”), il bambino si sta adattando ancora ai tanti stimoli esterni e andare a sovrastimolarlo in un momento così delicato non è opportuno. Se hai bisogno di ulteriori informazioni su questo ultimo punto sono a tua disposizione.