Dopo aver elaborato e integrato la mia personale esperienza per quanto riguarda questo evento, mi sto adoperando per fare divulgazione e sensibilizzazione di ciò che significa perdere un figlio in gravidanza.

Ho deciso perciò di sostenere e prendermi cura di questo dolore che, trascurato e non visto, può avere conseguenze su tutta la famiglia.

Il lutto perinatale attraversa tutti i drammatici aspetti del normale processo del lutto. La perdita di un figlio nelle differenti fasi della gravidanza, può attivare sensi di colpa, incessanti ricerche di spiegazioni, catene infinite di “perché” e di “se solo avessi/non avessi”: occorre riconoscere che la perdita di un bimbo nell’attesa, anche al suo inizio, è per la donna e per tutta la famiglia un vero e proprio lutto.

Questo è il percorso che propongo e su cui andremo a lavorare:

Dare contenimento allo strazio

(Fase acuta)

Lavoreremo su:

  • Guardare la voragine
  • Dare voce all’esperienza
  • Creare uno spazio per la tristezza
  • Esprimere la rabbia
  • Trarre risorsa dal senso di colpa e dallo smarrimento

Camminare insieme al lutto

(Fase di transizione)

 

Lavoreremo su:

  • Stare nel vuoto
  • Dare dignità alla morte invisibile
  • Permettersi il diritto del lutto
  • Parlare con il/la proprio/a bambino/a
  • Non ti dimentico
  • Rito di commiato

Posso vivere

(Fase di rinascita)

Lavoreremo su:

  • Gestazione di se stessi
  • Posso ricordare
  • Posso parlarne
  • Posso aprirmi
  • La speranza
  • I progetti

Gli obiettivi sono :

-riconoscere l’importanza di questo accadimento
-attraversare il dolore
-accudirvi come coppia e come famiglia
-portare il bimbo nel tuo cuore e dargli un posto in famiglia
-prendersi cura delle sorelline e fratellini dando contenimento, supporto e spiegazioni chiare, sincere, amorevoli
-sostenere le gravidanze successive